chabrol - Cortona Fine Arts

Vai ai contenuti

Menu principale:

schede news
CHABROL DE VOLVIC
Statistique des Provinces de Savone, d'Oneille, d'Acqui, et de partie de la Province de Mondovi.

Paris, Impr. de Jules Didot Ainé, 1824,
2 vol. in-4, pp. (4), XII, 359; (4), 512, 13; leg. dell'epoca in carta azzurra marmorizzata, dorso in pelle con decorazioni in oro, tassello verde col titolo in oro. Vasto ed accuratissimo studio storico-geografico ed economico-statistico sulla zona denominata un tempo ''Dipartimento di Montenotte'' e comprendente parte delle attuali provincie di Cuneo, Alessandria, Imperia, Savona e Genova. E' corredato di numerose tabelle statistiche a stampa ripiegate f.t. ed illustrato da 2 grandi carte geo-topogr. (una dell'ampia zona citata, l'altra del Golfo di La Spezia) e 44 finissime litografie raffiguranti vedute dei principali paesi e città (tra quelle concernenti il Piemonte: Acqui, Ceva, Dogliani, Garessio, Incisa, Millesimo, Nizza Monferrato, Ormea, Saliceto, S. Stefano Belbo; tra quelle della Liguria: Alassio, Albenga, Albisola (2), Arenzano, Cairo, Carcare, Dego, Diano Marina, Finale Marina, Finalborgo, Noli, Oneglia, Pieve, Porto Maurizio, Sassello, Savona (2), Varazze. L'ultima parte dell'opera è dedicata ad una ''Mémoire sur le Golfe de La Spezzia'' (pp. 478-508); la commissione francese aveva infatti avuto anche l'incarico di valutare le spese da farsi per l'installazione di una base militare nel golfo. Comprende, oltre alla carta menzionata, una veduta del golfo di Spezia (ripiegata), una di Portovenere ed una delle insenature di Varignano e delle Grazie. L'autore (Gilbert-Joseph-Gaspard, comte de Chabrol de Volvic, 1773-1843) fu amministratore del Dipartimento di Montenotte e scelto da Napoleone a far parte della commissione scientifica che lo seguì nella spedizione d'Egitto. Opera straordinaria, molto importante e ricercata, assai rara a trovarsi completa di tutte le tavole ed in ottimo stato come il presente esemplare. Di eccezionale importanza è la parte iconografica, che offre, in molti casi l'unica veduta ottocentesca di località minori.           Manno II, 7249 (cit.).

 

Torna ai contenuti | Torna al menu