Luigi Roncagli o Roncalli - Cortona Fine Arts

Vai ai contenuti

Menu principale:

Le opere > schede sculture
LUIGI RONCAGLI (o RONCALLI)
Bologna 1767 - …?

L’ADDOLORATA

scultura in terracotta patinata a vernice bianca,
all’interno il monogramma LRF e la data 1832.

H. cm. 41

Nato a Bologna nel 1767, fu allievo dell’Accademia bolognese di Belle Arti, a quell’epoca diretta da De Maria. La sua opera risente del gusto classicista che nel XVIII secolo ebbe tanta fortuna dopo la riscoperta dell’antico. E’ indubbio che gli scavi archeologici dell’epoca avessero riacutizzato l’interesse degli artisti per il mondo greco - romano e per la sua rivisitazione operata nel Rinascimento. L’opera di Roncagli, tra la fine del ‘700 e l’inizio dell’800, si ascrive a questo tipo di sensibilità, attenta ai maestri antichi, aspirante a una “Bellezza” intesa come valore dello spirito, in grado di elevare l’uomo.
L’Addolorata è opera della tarda età di Roncagli e ritrae la Madonna seduta su tre pietre sovrapposte. Lo scultore per togliere staticità al corpo adotta l’espediente tecnico di far appoggiare un piede della donna su due sassi, affinché le ginocchia si trovino ad altezze diverse con un lieve effetto rotatorio. Il panneggio rivela le forme sottostanti, ma in modo discreto, per rispetto verso il soggetto religioso. Il volto, scolpito in un’espressione tragica e nel contempo rassegnata, le mani strette in una drammatica preghiera, hanno già perso la rigidità neo-classica per avvicinarsi ad una sensibilità protoromantica, che non ha più paura di evidenziare i moti dell’anima.


Bibl.:

G. Pesci, La Certosa di Bologna. Immortalità della memoria, 1998

M. L. Giumanini, Tra disegno e scienza. Gli studenti dell’accademia di Belle Arti di Bologna (1803 – 1876), Bologna 2002

A. Panzetta, Nuovo dizionario degli scultori italiani dell’ottocento e del primo Novecento, 2003,  vol II, p. 783




 

Torna ai contenuti | Torna al menu